CERCA NEL SITO

 

AREA INTRANET RISERVATA

User 
Password 
Accedi
Hai dimenticato la password?
a a a

L'AZIENDA

Storia

Il C.I.D.I.U. è nato nel 1972 come consorzio di depurazione delle acque per i comuni di Collegno, Grugliasco e Rivoli. Nel corso degli anni ha ampliato le competenze anche alla nettezza urbana, alla raccolta e allo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, alla manutenzione delle aree verdi, alla sensibilizzazione ed educazione ambientale.

Nel 2002 il C.I.D.I.U. ha completato il bacino di utenza previsto dal piano provinciale per la gestione dei rifiuti, con l'ingresso del Comune di Pianezza, che ha affiancato così i Comuni di Alpignano, Buttigliera Alta, Druento, San Gillio e Villarbasse (entrati il 26 marzo 1999), Rosta (gennaio 2000) e la Comunità Montana Valsangone (che comprende i comuni di Giaveno, Coazze, Valgioie, Reano, Trana e Sangano, entrati il 2 gennaio 2001).

Il 2002 è stato un anno importante per l'Azienda, che ha trasferito in cambio di quote azionarie lo storico impianto di depurazione delle acque alla società Sma Torino e che ha approvato il progetto per la costruzione di un impianto di selezione e compostaggio a Druento (PuntoAmbiente). Il primo passaggio si è reso necessario alla luce della normativa entrata in vigore con la legge Galli, che ha introdotto il concetto di ambito territoriale ottimale per la gestione integrata del ciclo delle acque.

Il 27 giugno del 2003 è avvenuta la svolta storica dell'Azienda che, così come previsto dall'articolo 35 dalla legge finanziaria e dalla legge regionale n°24, si è scissa in due entità distinte: un Consorzio per l'esercizio della funzione di governo del sistema dei rifiuti (C.A.DO.S.) e una Società per Azioni, che ha ricevuto in dotazione l'intero complesso aziendale (CIDIU S.p.A. – Centro Intercomunale di igiene Urbana).

Il 31 maggio 2007, CIDIU S.p.A. rileva il 100% della controllata Sinergie 2000 dai Soci privati, rimanendo Socio unico.
Il 19 dicembre 2008, con assemblea straordinaria, è stata cambiata la ragione sociale di Sinergie 2000, in Cidiu Servizi SpA. In data 30 dicembre 2008 la medesima ha acquisito il ramo aziendale operativo del Cidiu SpA, con la titolarità dei contratti di servizio verso i Comuni (“in house”).

Un’importante novità ha caratterizzato l’anno 2009: l’inaugurazione e l’avvio dell’impianto di compostaggio di Punto Ambiente, società controllata dal Cidiu SpA con il 98% delle quote, che accoglie e sottopone a trattamento i rifiuti organici provenienti da buona parte della Provincia di Torino. I processi sono stati avviati nel mese di ottobre, per una messa a pieno regime prevista nella seconda metà del 2010.

A dicembre 2009 sono iniziati i conferimenti di RSU nel settore ovest del 4° lotto della discarica controllata di Cassagna, che, a completamento del settore est, aumenterà la volumetria della sito di interramento di 1.018.000 mc in totale.

Da gennaio 2010 la discarica Cassagna accoglie i rifiuti della città di Torino, portati dalla società Amiat, e parte di quelli provenienti dal territorio del Covar 14, oltre a quelli del bacino di competenza del Cidiu.

Dal 1° maggio 2011 il Comune di Venaria Reale è passato dal Consorzio di Bacino 16 al Consorzio di Bacino 15 (C.A.DO.S.).
L'Assemblea dei Soci CIDIU ha approvato l'estensione del servizio di igiene urbana sul territorio del Comune di Venaria Reale, con conseguente acquisizione di quote azionarie da parte del nuovo Socio.

Il 1° agosto 2011 le assemblee straordinarie di Cidiu spa e di Punto Ambiente srl hanno approvato l’operazione di fusione mediante incorporazione della seconda nella prima.
La fusione, in essere dal 1° novembre 2011, ha determinato un’assegnazione di 25.748 nuove azioni al Comune di Druento, in concambio delle quote della società incorporanda possedute dall’Ente, e corrispondente aumento del capitale sociale di Cidiu spa.

Da oltre trent'anni l'impegno del Consorzio/Azienda è rivolto con sempre maggior attenzione alle problematiche del recupero delle materie contenute nei rifiuti e del risparmio energetico. Gli investimenti e gli sforzi sono stati indirizzati verso la raccolta differenziata, strumento importante per la difesa ambientale.